Cerca
Close this search box.

Cos’è il gomasio?

È èun condimento salato a base di semi di sesamo e sale marino integrale. In lingua giapponese infatti “goma” significa sesamo e “shio” significa sale.

Il Gomasio è un eccellente condimento usato nella cucina giapponese e macrobiotica, ma che oggi troviamo in commercio facilmente anche da noi in occidente o possiamo addirittura preparare in poche mosse con facilità a casa. Il gomasio è un condimento salato a base di semi di sesamo e sale marino integrale. In lingua giapponese infatti “goma” significa sesamo e “shio” significa sale. Le proporzioni di sesamo e sale nella ricetta tradizionale sono di 7:1 o anche fino a 15:1, dipende un pò dai gusti e preferenze di chi lo prepara. Pertanto nei preparati pronti che acquistiamo troveremo di solito fra gli ingredienti le seguenti concentrazioni di questi due ingredienti: semi di sesamo tostati 98%, sale marino integrale 2%. Oppure 95% e 5%.

I semi di sesamo (e quindi anche il gomasio) sono un vero concentrato di proprietà nutritive, ecco perchè è bene includere questo alimento nella regolarità della nostra dieta, magari limitando o eliminando l’uso del sale puro come condimento aggiuntivo o insaporitore in tante pietanze. Il gomasio può essere aggiunto nelle insalate di verdure crude o cotte, nelle panature quando si preparano cotolette o filetti di pesce, nelle minestre o zuppe.

Le sue proprietà nutrizionali sono molteplici, come già accennato, in quanto il seme di sesamo è ricco di proteine e minerali nobili come calcio, magnesio, fosforo, ferro, oltre che di vitamine del gruppo B e di grassi “buoni” polinsaturi della serie omega 6 ed omega 3. Questo condimento è sicuramente molto remineralizzante, equilibrante del sistema nervoso (magnesio, calcio), lubrificante per le cellule (grassi omega 3 e omega 6), alcalinizzante. Contiene inoltre varie sostanze antiossidanti, quali sesamina, sesamolina e sesamolo.

Se ti interessa, continua la lettura su https://ciboserio.it/scopriamo-il-gomasio/

Potrebbe forse interessarti...

Si tratta di un latticino vero e proprio, che ha però la forma di un tradizionale pandoro, uno dei dolci tipici delle festività natalizie.
Non è soltanto per i suoi bei colori giallo-arancio o per il suo aspetto leggero e spontaneo che dobbiamo coltivarlo, ma anche perché è commestibile.
Le cozze sono una prelibatezza che proviene dal mare e possono essere cucinate nei modi più svariati, andando dagli antipasti ai secondi piatti.
Saporiti ma magri e digeribili, si prestano alla preparazione di mille ricette golose: dai risotti cremosi alle mousse vellutate.
Sostenibilità, alternativa e recupero sono tre parole legate al cibo che sentiremo pronunciare per tutto il 2022.
gambero rosso ed il gambero viola, due specie pregiatissime tipiche del Mar Mediterraneo che spesso vengono confuse.
Angurie e meloni sono i frutti estivi per eccellenza, anche se in realtà i meloni oggi si trovano in commercio da aprile a dicembre.
Dopo le viola, le gialle sono la vera novità: le carote multicolor si trovano in vendita sfuse o in vaschetta, pronte per il consumo.