Cerca
Close this search box.

Drink per l’estate dentro l’anguria

Frutto dell'estate per antonomasia: oltre a offrire la sua polpa fresca e dissetante, si presta anche come ciotola per il cocktail d'agosto.

Oltre ad offrire la sua polpa fresca e dissetante, l’anguria si presta anche come ciotola per un cocktail estivo sfizioso. Realizzarlo è molto semplice; l’effetto assolutamente snob!

Svuota una grossa anguria e frulla la polpa privata dei semi. Versala in una caraffa e aggiungi un decilitro di Aperol, il succo di un lime e 2 cucchiai di sciroppo di lamponi o di granatina.

Trasferisci la brocca in frigorifero per almeno un paio d’ore. Contemporaneamente metti in frigo anche una bottiglia di spumante secco.

Togliete, nel mentre, con un coltello una sottile fetta di scorza dalla parte inferiore della ciotola d’angura ottenuta, in modo che risulti ben stabile.

Al momento di servire, riprendi la brocca dal frigo, unisci al frullato d’anguria lo spumante ben freddo e mescola brevemente. Versa il drink nella metà del cocomero che servirà da contenitore e decora il bordo con i rametti di ribes dai chicchi rosso rubino, le fettine di lime e qualche fogliolina di menta.

Potrebbe forse interessarti...

Apri il frigo e ti accorgi di avere delle uova? Leggi la scadenza e pensi che le uova debbano essere buttate? Prima effettua uno di questi test...
Ecco alcuni abbinamenti tra erbe, spezie e ortaggi e verdure tutti da sperimentare.
Ingrediente principale il pane macinato per rivestire gli alimenti, destinati principalmente alla frittura o alla cottura in forno.
Le salse made in Italy, quelle che accompagnano le specialità regionali, hanno una loro identità molto forte fatta di pratiche rigorose.
Arriva l'estate e occorre fare i conti con quei confortanti chili accumulati durante l'inverno. Ci si può affidare all'elenco di cibi guilt free.
La Guida Michelin rappresenta il maggiore riferimento mondiale per la valutazione della qualità dei ristoranti.
E' un processo biologico che trasforma gli zuccheri semplici in gas, acidi e alcol; processo di trasformazione avviene nei batteri e nei lieviti.
In media ogni italiano getta nell'immondizia 65 chili di cibo all'anno. Ma chiunque può dare un piccolo contributo, tutti i giorni.