Cerca
Close this search box.

Feijoa, frutto esotico il cui gusto ricorda quello della fragola

E' un frutto esotico ricco di proprietà benefiche per l'organismo e un alleato per la salute; è anche buono e versatile in cucina.

Nuova segnalazione da parte della nostra esperta di verde Barbara e nuova chiccheria.
La Feijoa, è il frutto dell’arbusto feijoa sellowiana originario dell’America del Sud, ma diffusosi anche nell’Europa mediterranea, in particolare in Liguria, Toscana e Italia meridionale. Questo perchè richiede un tipo di terreno e condizioni climatiche simili a quelle dell’olivo e degli agrumi.

Si presenta con una bella buccia verde, liscia e compatta, e ha la grandezza di uovo. La sua polpa ricorda un dolce mix tra ananas e fragola, è molto succosa e si può mangiare con il cucchiaino scavando direttamente la buccia ben spessa.

E’ un frutto che matura in autunno, dalla grande versalitilità e trasversalità di usi: per esempio è perfetto per arricchire macedonie a base di agrumi, poiché ne contrasta la nota acidula e aspra. Si sposa molto bene anche con i kiwi, per via della consistenza simile.

Può essere chiaramente trasformata in marmellata. Anche i fiori della pianta sono commestibili e possono essere cotti in forno fino a farli diventare croccanti. Le foglie e i fiori possono essere usati per preparare tisane e infusi dalle importanti proprietà antibatteriche. La feijoa può anche essere spremuta esattamente come un agrume ed è un’ottima base per un corposo frullato light e, essendo naturalmente dolce, non c’è bisogno di aggiungere altri zuccheri

Questo frutto è ricco di proprietà benefiche per l’organismo: contiene infatti molte fibre, che aiutano a mantenere l’intestino sano, omega 3 e 6, la cui azione fluidificante aiuta il corretto funzionamento del sistema cardiovascolare, vitamine K e C, note per le proprietà antiossidanti.

Potrebbe forse interessarti...

Sono tanto buoni quanto ricercati. Per questo la battaglia contro la raccolta illegale è sempre più dura. Nonostante sequestri e controlli.
Dopo le viola, le gialle sono la vera novità: le carote multicolor si trovano in vendita sfuse o in vaschetta, pronte per il consumo.
In genere si tratta di antiche varietà di ortaggi, la cui coltivazione è stata abbandonata quasi del tutto dal secondo dopoguerra in poi.
Onnipresenti saranno il burro e i noodles di alghe, diffusi in tutti i bar e ristoranti etnici di ispirazione tropicale
Da Murakami a Tsuji per arrivare a Nashiki, Murata e Sukegawa così nel Sol Levante un ingrediente assume sfumature simboliche
Le bevande vegetali (ma anche i dessert e gli “yogurt”) si sono moltiplicate, al punto da guadagnarsi uno spazio dedicato.
Si tratta di una pianta esotica, originaria della zona che va dall'Iran all'India settentrionale, ma presente anche nell'area caucasica mediterranea.
Sono le piante più facili da coltivare, nonché le più diffuse e antiche del mondo