Cerca
Close this search box.

I 12 grandi vini bianchi che bisogna conoscere secondo Gabriele Gorelli

Alcuni già affermati, altri emergenti. Tutti vini bianchi accomunati da una grande componente identitaria.

Nietzsche scrisse: «Chi ha un perché per vivere può sopportare quasi ogni come». Ne è convinto Gabriele Gorelli, toscano, primo Master of Wine italiano di sempre, che parte da qui per raccontare e “re-immaginare” 12 grandi vini bianchi italiani. Alcuni già affermati, altri emergenti. Tutti accomunati da una grande componente identitaria. «L’identità è il modo in cui tu capisci te stesso e descrivi chi sei agli altri. Significa investire in chi vuoi essere». Applichiamo la teoria ai vini: chi vince la sfida? «Chi riesce a posizionarsi lì dove il mercato riconosce valore, grazie a una brand identity chiara».

Scopri quali sono su https://www.corriere.it/cook/vinitaly-notizie/cards/i-12-grandi-vini-bianchi-che-bisogna-conoscere-secondo-l-unico-master-of-wine-italiano/i-12-grandi-vini-bianchi-italiani-scelti-gabriele-gorelli_principale.shtml

Potrebbe forse interessarti...

San Patrignano è una cantina unica i cui veri artefici e protagonisti, dalle vigne all’imbottigliamento, sono i ragazzi della Comunità.
Due spumanti eccellenti, fuori classe del metodo classico spesso non compresi dal grande pubblico che faticano a capire le differenze.
All’antica ricetta si sono unite le tecniche utilizzate dai birrifici moderni e la grande cura nella scelta delle materie prime.
Undici virgola quattro ettari di terreno argilloso piantato con una densità di 6000 piante a ettaro in una zona tra Libourne e Saint Emilion
La vera cosa intrigante è quel bicchiere a sombrero che mette di buon umore soltanto a guardarlo soprattutto a chi, come me, ama il Messico.
All’apparenza acqua, la trasparenza del liquido più naturale. Poi si apre la bottiglietta e in bocca ecco il sapore del caffè, della cola, della birra
Esperti di vino e non di sicuro più o meno tutti sanno cos’è il Dom Pérignon. Ma probabilmente in pochi sanno invece chi era Dom Pérignon.
La birra per caduta rappresenta il modo più originale di spillare il prezioso liquido biondo rappresentando un ritorno alle origini.