Cerca
Close this search box.

Pesce castagna, questo sconosciuto!

Deve il suo nome alla forma del corpo che assomiglia ad una castagna, ovale, alta e compressa, che lo fa somigliare ad una grossa orata.

Tra i pesci di stagione che, a giugno, si possono trovare in pescheria, ce n’è uno poco conosciuto che però si fa notare per la sua espressione minacciosa. Il pesce castagna si riconosce, sinteticamente parlando, per il corpo compresso e il muso schiacciato, con bocca grande. Sembra una grossa orata. Vive in mare aperto, a profondità anche superiori ai 500 m, isolato o in piccoli gruppi. Nei nostri mari è presente soprattutto nel Tirreno, dove in genere viene pescato con ami e strumenti che arrivano in profondità; per questo, è presente sul mercato con una certa discontinuità.

Può raggiungere dimensioni notevoli (oltre 60 cm e diversi kg); quando è pescato da poco ha la livrea di colore bronzeo, che perde lucentezza con il passare delle ore. Spesso arriva sui nostri mercati refrigerato o congelato, proveniente dall’Oceano Atlantico.

l corpo si presenta compresso lateralmente ed è relativamente alto. Il muso presenta con un profilo molto ripido e la bocca, obliqua, è tagliata verso il basso e possiede una mandibola sporgente. La bocca è armata con file di denti acuminati, presenti anche sul palato e sulla lingua. Possiede un unica pinna dorsale, simile a quella anale che però si presenta più corta e meno alta. Le pettorali sono molto sviluppate, mentre le ventrali appaiono molto ridotte e sono ritraibili. La pinna caudale è forcuta.
E’ contraddistinto da squame piccolissime e incapsulate nella pelle, tanto da far apparire la sua livrea completamente liscia. E infatti non è necessario squamarlo, la pulizia può avvenire facilmente a cottura ultimata.

Molto apprezzato per le sue carni, si può acquistare intero o a tranci, come valida alternativa al dentice. Come questo, il pesce castagna è ottimo cotto al forno, con patate o pomodorini, alla griglia o al cartoccio, mentre è buona norma non mangiarlo crudo (a seconda delle aree di pesca, potrebbe presentare dei parassiti). Si presta anche a saporiti ragù per paste lunghe e corte. In Sicilia il pesce castagna viene usato per fare un sugo per gli spaghetti, con pomodorini, aglio, prezzemolo e peperoncino.

Riscuote particolare successo però in Sicilia, dove in genere è facilmente reperibile, ed è conosciuto col nome di “pesce luna”. E’ un pesce che ha denominazioni diversissime a seconda della zona d’Italia: a Genova viene chiamato “rundanin”, a Imperia “castagnolla”, a Trapani “saracu imperiali”, a Olbia “sarraginu”, a Venezia “ociada bastarda”, a Napoli più semplicemente “castagna di mare”.

Potrebbe forse interessarti...

Dopo le viola, le gialle sono la vera novità: le carote multicolor si trovano in vendita sfuse o in vaschetta, pronte per il consumo.
Una razza rustica particolarmente antica, che trae il nome dalla sua area di diffusione, caratterizzata da una cosiddetta "cinta" bianca che va dalle zampe anteriori, passando per il dorso del collo, mentre il resto del corpo è nero.
Le ostriche sono molluschi che, nell’immaginario collettivo, rappresentano un cibo prezioso, chic e afrodisiaco!
In genere si tratta di antiche varietà di ortaggi, la cui coltivazione è stata abbandonata quasi del tutto dal secondo dopoguerra in poi.
Il basilico è una pianta erbacea annuale, originaria dell'India, che può arrivare fino a mezzo metro di altezza. Ne esistono di diverse varietà.
Formaggio piemontese d’importanza storica prodotto in alcuni comuni della provincia di Cuneo con latte di vacca
Si tratta di un latticino vero e proprio, che ha però la forma di un tradizionale pandoro, uno dei dolci tipici delle festività natalizie.
E' un frutto esotico ricco di proprietà benefiche per l'organismo e un alleato per la salute; è anche buono e versatile in cucina.