Cerca
Close this search box.

Picnic Chic: esperienza (ed esigenza)

Picnic Chic semplifica la ricerca e l’acquisto di un picnic territoriale e di qualità, da gustare in location esclusive. L’obiettivo di questa startup nata nel 2017 è quello di far viaggiare i clienti nell’enogastronomia, nei paesaggi e nell’ospitalità italiana, creando un contatto con aziende che offrono delle esperienze picnic attraverso i loro spazi verdi e i loro prodotti di qualità.

Nel corso del 2020 ha avuto un boost di adesioni e crescita, forse dovuto ad un radicale cambiamento delle abitudini in fatto di consumi e proposte in seguito alla pandemia globale da Covid19.

La rete di partner specializzati, come cantine, ristoranti, agriturismi e aziende organizzatrici di eventi permette di predisporre una picnic experience in pochi click e virtualmente dappertutto, conoscendo così prodotti locali, tradizioni e culture alimentari e naturalmente il territorio e la sua comunità.

Come funziona?

Basta andare sul sito www.picnicchic.it, selezionare il luogo, il cestino e l’esperienza che preferite e poi… godersi il relax!

Il vantaggio per l’utente è avere la possibilità di selezionare e prenotare, attraverso un unico portale e direttamente online l’esperienza prescelta di pranzo, degustazione, cena o aperitivo all’aria aperta. Il percorso di acquisto avviene in piena sicurezza e riduce al minimo i contatti: la prenotazione e l’ordine passano poi direttamente alla struttura selezionata, che deve solo occuparsi di far trovare tutto l’occorrente all’utente nella data e nell’orario prescelto.

Ma la formula di successo per Picnic Chic è quella di offrire un grande vantaggio alle aziende di ristorazione che decidono di affiliarsi: il booking offre infatti a ristoranti, cantine, aziende agricole, agriturismi ed altre realtà un vero e proprio ulteriore canale di vendita delle proprie proposte di pranzi e cene open air.

Potrebbe forse interessarti...

Le mie origini calabresi sono orgogliose di dare il benvenuto a una nuova stella Michelin in Calabria assegnata al ristorante Qafiz.
Un caleidoscopio di sapori e profumi dal centro Italia. Si chiama Domenica in Abruzzo. Ma cosa contiene questo box?
Uliassi non è solo uno dei più quotati chef italiani, ma anche uno dei portabandiera dello StreetFood, ovvero, come portare l’alta cucina in strada.
Attraverso la geolocalizzazione, ogni potenziale acquirente trova la magic box più vicina a seconda dei gusti: pasticcerie, forni, hamburgerie o risto
Lontano dal rumore metropolitano, all’interno della riserva naturale regionale della Valle dei Casali, c'è il Bistrot Bio.
Una rivoluzione per il settore della ristorazione che permette di esaltare le qualità organolettiche degli alimenti incrementando la loro shelf-life.
La scelta è ampia e sempre differente: pasta fresca o ripiena, tris con verdura, riso e proteina a scelta, insalate di ogni tipo, panini, bagel, estratti, frutta, dolci monoporzione.
Al primo Pizza Romana Day con lo scopo di ridare dignità a una tipologia di prodotto poco considerato fuori dai confini cittadini