Cerca
Close this search box.

Pomodoro Marinda, extralusso

E' diventato uno dei prodotti principali per identificare la primizia di Pachino dato che ha trovato il suo habitat naturale in questa zona.

In questo periodo e per un tempo limitato ci si può imbattere in questo pomodoro dalle qualità eccelse.

Il pomodoro Marinda è diventato uno dei prodotti principali per identificare la primizia di Pachino dato che ha trovato il suo habitat naturale in questa zona grazie alla tipologia dei suoi terreni, al clima particolarmente temperato con irraggiamento solare costante durante tutto l’anno e con costanti brezze di ponente cariche di salsedine associate alle rare gelate, alla particolare composizione dell’acqua salmastra utilizzata e alle acque saline delle falde acquifere che gli conferiscono caratteristiche uniche nel suo genere.

È un pomodoro costoluto che si distingue per la forma appiattita, per l’elevato numero di costolature (non meno di 10) e per la pennellata, che circonda la parte apicale, di un colore verde molto scuro e brillante, che lo rende esteticamente attraente.
Pomodoro invernale che viene raccolto tra gennaio e maggio. Quindi ancora qualche giorno per poterli assaporare nel massimo del loro splendore.

Un prodotto extralusso e veramente snob! È il pomodoro dei ricordi, della nostalgia dell’estate: riconcilia nei mesi invernali con il gusto del pomodoro per il suo profumo di sole, per il suo ricchissimo sapore dolce, avvolgente, succoso, persistente, saporito, per la sua consistenza soda, croccante e compatta. È un pomodoro dal gusto intenso e squisito.

Pomodoro Marinda

Potrebbe forse interessarti...

Si tratta di una specie molto apprezzata fin dall'antichità, come dimostrano alcune raffigurazioni presenti nei mosaici di Pompei antica.
Parente stretto del carciofo, ghiotto e delicato, se è “gobbo” si mangia anche crudo
Si tratta di una pianta esotica, originaria della zona che va dall'Iran all'India settentrionale, ma presente anche nell'area caucasica mediterranea.
La pesca Merendella: il frutto paradisiaco coltivato solo in Calabria è uno dei frutti più dolci e rinfrescanti dell'estate.
Possono essere consumati freschi se teneri. Anche i fiori sono commestibili e hanno un sapore delicato e dolce. Possono anche essere fritti.
Il basilico è una pianta erbacea annuale, originaria dell'India, che può arrivare fino a mezzo metro di altezza. Ne esistono di diverse varietà.
Una razza rustica particolarmente antica, che trae il nome dalla sua area di diffusione, caratterizzata da una cosiddetta "cinta" bianca che va dalle zampe anteriori, passando per il dorso del collo, mentre il resto del corpo è nero.
Angurie e meloni sono i frutti estivi per eccellenza, anche se in realtà i meloni oggi si trovano in commercio da aprile a dicembre.