Cerca
Close this search box.

Un vino rosso super snob? Petrus

Undici virgola quattro ettari di terreno argilloso piantato con una densità di 6000 piante a ettaro in una zona tra Libourne e Saint Emilion

Petrus. Un vino che sembra fatto apposta per uccidere i miti vinicoli, diventandolo a sua volta, definitivamente. Cosa c’è di speciale qui? Andiamo a scoprire perché questo gioiello della viticultura Bordolese ha incrinato nell’immaginario collettivo degli enofili molti riferimenti e parametri, quelli che hanno contribuito alla crescita della fama di tutti gli altri “top wines” della riva destra e di quella di sinistra della Dordogna, mettendo in soggezione anche la Garonna.

Pomerol. Petrus. Punto e basta. Pas de Chateau, perché il castello non c’è. C’è un luogo -un edificio perfino modernizzato- dove si porta il frutto maturo. Lì si selezionano, si pigiano i grappoli, si attende la fermentazione, si vinifica il succo in vasche di cemento e si affina il vino in barriques per almeno 18 mesi; poi si imbottiglia e si affina ulteriormente. Si può fare tutto benissimo anche senza Chateau e senza scendere nella definizione di “vin de garage” come è stato etichettato a suo tempo Le Pin, il nobile cugino che su meno di tre ettari valorizza ulteriormente i vini di Pomerol, ma non raggiungendo le quotazioni di Petrus nonostante una produzione molto più ristretta.

Non c’è nessuna menzione ridondante in una etichetta di Petrus. Nessuna classificazione impettita come nel caso dei soliti sospetti, quei quattro leggendari Premier Grand Cru del Medoc e il quinto, nella zona di Pessac-Leognan. Petrus non è neppure un Gran Cru Classés, come è il caso dei suoi tre vicini, i divini di Saint-Emilion. In etichetta troverete la sola dicitura Grand Vin, almeno quello.

Il terreno, unico, argilloso, quello che consente al merlot di esprimersi in solitario ed in piena purezza, come adoro, seguace pungente del monovitigno. Quel terreno che anche dalle parti di Chateauneuf du Pape consente al vitigno grenache di dar vita tutto da solo a Chateau Rayas, quando la normalità laggiù è assemblare anche una dozzina di succhi provenienti da vitigni diversi per dare completezza e complessità ad un Chateauneuf du Pape di razza. Ma se hai a disposizione un terroir così ne puoi fare a meno di miscelare mosti o vini provenienti da vitigni differenti. Caso mai puoi mescolare i vini ricavati dalle diverse esposizioni, ma tutte piantate con la medesima varietà, come è proprio il caso del magnifico Rayas, che poi si definisce Chateau anche se l’edificio sembra un pollaio.

Continua ad approfondire su http://reportergourmet.com/75734/petrus-il-vino-rosso-piu-snob-del-mondo.html

Potrebbe forse interessarti...

All’apparenza acqua, la trasparenza del liquido più naturale. Poi si apre la bottiglietta e in bocca ecco il sapore del caffè, della cola, della birra
Due spumanti eccellenti, fuori classe del metodo classico spesso non compresi dal grande pubblico che faticano a capire le differenze.
All’antica ricetta si sono unite le tecniche utilizzate dai birrifici moderni e la grande cura nella scelta delle materie prime.
San Patrignano è una cantina unica i cui veri artefici e protagonisti, dalle vigne all’imbottigliamento, sono i ragazzi della Comunità.
La birra per caduta rappresenta il modo più originale di spillare il prezioso liquido biondo rappresentando un ritorno alle origini.
La vera cosa intrigante è quel bicchiere a sombrero che mette di buon umore soltanto a guardarlo soprattutto a chi, come me, ama il Messico.
Alcuni già affermati, altri emergenti. Tutti vini bianchi accomunati da una grande componente identitaria.
Esperti di vino e non di sicuro più o meno tutti sanno cos’è il Dom Pérignon. Ma probabilmente in pochi sanno invece chi era Dom Pérignon.