Cerca
Close this search box.

Il finocchio di mare, tesoro delle coste mediterranee

Bello, ma anche buono da mangiare. Si tratta del finocchietto marino, anche detto spaccasassi, frangi sasso, cretamo, critamo marittimo, crite, bacicci, crista marina o erba di San Pietro.

Grazie al mio amico Massimo ho scoperto questa erba di scoglio. L’avrò vista migliaia di volte e l’ho sempre ignorata. Da ora non lo farò più. Vediamo i motivi…

Il Finocchio marino conosciuto anche con i nomi di “critamo”, “bassiga”, “burcio”, “erba di San Pietro”, “eritmo”, “frangisasso” e “bacicci”, è una pianta erbacea influenzata dalla salsedine, quindi diffusa sulle rocce e sulle scogliere dal mar Nero al Mediterraneo al canale della Manica fino alle coste atlantiche europee. Il Finocchio marino è originario delle coste mediterranee, in Italia si può trovare lungo tutte le coste. Sin dai tempi antichi è raccolto sulle rocce e sulle scogliere per essere consumato in insalata oppure conservato sottaceto. È una pianta molto antica, conosciuta sia dai Greci sia dai Romani. John Evelyn, poligrafo inglese del XVII sec., nella sua opera Acetaria ne rilevava le innumerevoli ed eccellenti proprietà medicinali e alimentari.

Si raccoglie da primavera fino all’autunno; ai fini alimentari si utilizzano foglie, piccioli e giovani germogli. Presenta un buon contenuto di minerali (in particolare calcio), antiossidanti, acidi grassi essenziali e vitamina C. Soprattutto per quest’ultima prerogativa, il finocchio marino era molto apprezzato dai marinai, poiché consentiva loro di prevenire lo scorbuto durante le lunghe traversate che non permettevano il consumo di ortaggi e frutta fresca.

Le foglie hanno un sapore fortemente aromatico e salato, fra il finocchio, l’aneto ed il sedano, leggermente  piccanti. E’ tradizionalmente stata impiegata nelle conserve, cotta come verdura o aggiunta a crudo ad insalate, per insaporire sughi o per arricchire piatti di pesce, carne o uova.

In Puglia il finocchio marino viene utilizzato nella cucina tradizionale per preparare “critmi e menta”. La ricetta prevede di lessare il finocchio marino in acqua e, dopo averlo scolato, di sistemarlo a strati in una pirofila, intercalandolo con una spruzzata di aceto, pangrattato, olio e menta; prima di servirlo si lascia riposare qualche minuto.

Potrebbe forse interessarti...

Non è un cibo ma un vessillo della cultura locale, una sostanza psichedelica che "fa ballare" un intero popolo intorno intorno a questo piatto.
Un primo piatto decisamente autunnale. Immaginatevi in Trentino, a sorseggiare Gewurtztraminer e assaporare questo risotto caldo e fumante....beh vi ho fatto venir voglia di prepararlo?
Il Risotto mare e monti è un primo veloce e semplice da preparare ma gustoso che piace spesso anche ai palati più esigenti.
Il tonno fresco non si trova spesso, ma quando voglio viziarmi non posso farne a meno, che sia a tartare, a tagliata o semplicemente scottato e arricchito così.
Una tagliata di pollo glassata alla senape e miele. Preparate la marinata mescolando in una ciotola la senape, il miele, il succo di limone.
Il 24 giugno ha fatto il suo debutto in Canada il Frenchsicle, il nuovo ghiacciolo in edizione limitata lanciato dal noto brand French’s Ketchup in [...]
Oltre ad essere bello sul piano estetico, il cavolo viola racchiude numerosi benefici; si tratta di una pianta erbacea derivante direttamente dal cavolo selvatico.
Il primo segreto della cottura al wok è inserire gli ingredienti al momento giusto, per farli venire sufficientemente cotti ma ancora croccanti.